· 

Appuntamento con la prevenzione

 

Fin da bambini, ci sentiamo ripetere che lo zucchero è il peggior nemico dei denti. Genera la carie, riempie la cavità orale di impurità , in sostanza, portandoci a lungo andare  a un rapporto molto difficile con la nostra bocca, anche in età avanzata.

Ad esempio il danno  più comune che si può riscontrare è la carie.  Vediamo insieme cos’è.

 

Si definisce “carie” l’infezione che colpisce i tessuti del dente, a causa di alcuni microrganismi – generalmente batteri – che proliferano per via dell’alimentazione e di una cattiva igiene. La particolarità di questi batteri è che sovente prediligono stabilirsi in zone in cui la concentrazione di zucchero è molto elevata.

 

“Perché lo zucchero? Alcuni batteri presenti nel cavo orale si nutrono degli zuccheri producendo acidi durante la digestione. Questi acidi rimuovono i minerali dallo smalto mediante un processo che prende il nome di “demineralizzazione”. Nel processo, si formeranno piccoli fori o erosioni, che col passare del tempo diventeranno più grandi, finché non apparirà una grande cavità, la carie”.

 

Solitamente la carie si origina in superficie ma poi lavora fino a raggiungere la polpa del dente, mettendone in serio pericolo funzionalità e sopravvivenza. Se non trattata, può diffondersi negli strati più profondi del dente, causando dolore, ascessi, parodontiti e pulpiti.

Proprio per questo motivo è bene prevenire questo tipo di infezioni a partire da un’ alimentazione equilibrata riducendo gli apporti di zucchero e incrementando invece l’assunzione di vitamine o minerali come magnesio, calcio, fosforo e fluoro.

Già a partire dall’infanzia quindi è bene ridurre il consumo di alimenti zuccherati, come ad esempio in bevande zuccherate, snack, caramelle, lecca lecca o cibi industriali che  spesso nascondono una quantità elevata di zuccheri quali saccarosio e glucosio.

Ciò, infatti, soprattutto nell’età del ricambio dai denti da latte ai permanenti, finisce per favorire il rafforzamento dell’intera dentatura. Non meno importante, è consigliato sottoporsi a visite di controllo periodiche, in questo modo il dentista potrà giudicare lo stato di salute dentale bloccando sul nascere il minimo accenno di carie. E’ indicato, almeno una volta ogni 6 mesi, sottoporsi a una seduta di pulizia dei denti dal proprio dentista.